Puntata del 25 agosto 2013
23
aprile

Pablo Neruda, Canto generale

IV   La potentissima morte m’invitò più volte: era come il sale invisibile delle onde, e ciò che il suo invisibile sapore spargeva era come frammenti di precipizi e di altezze o vaste costruzioni di vento e di bufera.   Io giunsi al ferreo taglio, alla più angusta zona dell’aria, al sudario d’agricoltura e di […]

Nessun commento

23
aprile

Kostantin Kavafis, Aspettando i barbari

Che aspettiamo, raccolti nella piazza? Oggi arrivano i barbari. Perché mai tanta inerzia nel Senato? E perché i senatori siedono e non fan leggi? Oggi arrivano i barbari. Che leggi devon fare i senatori? Quando verranno le faranno i barbari. Perché l’imperatore s’è levato così per tempo e sta, solenne, in trono, alla porta maggiore, […]

Nessun commento

13
marzo

Par Lagerkvist, Di là dalle tenebre

Uno sconosciuto è il mio amico   Uno sconosciuto è il mio amico, uno che io non conosco. Uno sconosciuto lontano lontano. Per lui il mio cuore è colmo di nostalgia. Perché egli non è presso di me. Perché egli forse non esiste affatto?   Chi sei tu che colmi il mio cuore della tua […]

2 commenti

29
febbraio

Rainer Maria Rilke, Elegie duinesi – Seconda elegia

  Gli Angeli sono tutti tremendi. Eppure, ahimè, io invoco voi, uccelli d’anima che quasi fate morire, pur sapendovi. Dove sono i giorni di Tobia, quando uno dei più radiosi si stette all’umile porta di casa un po’ travestito da viaggio e, così, già non più pauroso, (giovane al giovane che guardava fuori curioso). Si […]

Nessun commento

29
febbraio

Jorge Luis Borges, Elogio dell’ombra

La vecchiaia (è questo il nome che gli altri le danno) può essere il tempo della nostra felicità. L’animale è morto o è quasi morto. Rimangono l’uomo e la sua anima. Vivo tra forme luminose e vaghe che non sono ancora le tenebre. Buenos Aires, che prima si lacerava in suburbi verso la pianura incessante, […]

Nessun commento

9
febbraio

Robert Lowell Giorno per giorno

Il giorno   Stupefacente Il giorno è ancora qui Come lampo su un campo aperto, terraferma e fugace grondante variazione, fresco come quando l’uomo per la prima volta eruppe come il croco ovunque sulla terra. Da un treno, vedemmo vacche Disposte sulla collina A differenti altezze, un sesso, una mandria, repliche in gerarchia- il sole […]

Nessun commento

30
gennaio

Vladimir Majakovskij, Il flauto di vertebre

Prologo a voi tutte, che piacete o siete piaciute, che conservate icone nell’antro dell’anima, come coppa di vino in un brindisi, levo il cranio ricolmo di canti. Sempre più spesso mi chiedo se non sia meglio metter il punto d’un proiettile alla mia sorte. Oggi darò, in ogni caso, un concerto d’addio. Memoria! Raduna nella […]

1 commento

19
gennaio

Riparte Antivirus con Davide Rondoni

“La nuova stagione di Antivirus è un viaggio estremo e profondo tra capolavori di poesia del nostro tempo, un viaggio tra luoghi e vicende, volti e amori, a cavallo di parole che sono entrate nel cuore di generazioni intere” Davide Rondoni

2 commenti

19
gennaio

Raymond Carver, da “Il nuovo sentiero per la cascata”

Domenica sera Metti a frutto le cose che ti circondano. Questa pioggerellina fuori dalla finestra, per esempio. La sigaretta che tengo tra le dita, Questi piedi sul divano. Il suono del rock-and-roll sullo sfondo, La Ferrari rossa che ho in testa. La donna che si sbatte qua e là girando ubriaca per la cucina… Mettici […]

2 commenti

17
gennaio

Thomas Stearns Eliot, da “La terra desolata”

La sepoltura dei morti Aprile è il mese più crudele, genera Lillà da terra morta, confondendo Memoria e desiderio, risvegliando Le radici sopite con la pioggia della primavera. L’inverno ci mantenne al caldo, ottuse Con immemore neve la terra, nutrì Con secchi tuberi una vita misera. L’estate ci sorprese, giungendo sullo Starnbergersee Con un scroscio […]

1 commento

Ritorna su